martedì 30 ottobre 2007

L'ARTE DEL FELLATIO!

Finalmente,
è arrivata l’ora che qualcuno dica esplicitamente come fare questa cosa magnifica. Donne, udite udite, perché troppo spesso sembra che stiate leccando un calippo, e non facendo qualcosa di sensibile, che richiede di sentire piacere e, perché no, di venire poi nella vostra bocca!Mettiamo subito in chiaro alcune cose:
1-Il buchino che vedete sulla cappella, non è un punto di goduria. Lo è il prepuzio, quel punto di 1-2 cmq distante, da dove parte il fatidico filetto (nel caso dei circoncisi…beh, che dire, peggio per loro che non possono usufruire di questo stupendo stiramento!) e collega la pelle del pisello al glande. Non dovete insistere su quel buchetto… lì facciamo pipì, da lì veniamo!
2-Il ritmo cambia da uomo a uomo.(Io ho una durata anche di tre ore,adoro resistere!) Non andate a colpo sicuro quando toccate un nuovo uomo. Quello precedente ha comunque un altro ritmo, un’altra sensibilità. Partite quindi senza eccessi di sicurezza.
3-La durata non può essere superiore al quarto d’ora,(per quelli normali non come me,com me dovete armarvi di molta pazienza!)… a volte sembra che non finisca mai, e lo stiate facendo durare tanto perché vi piace come un gelato. Ma il nostro cazzo non è un gelato.
Detto questo, il bocchino perfetto deve avere un giusto rapporto di movimento tra la mano e la bocca, solitamente concentrata sul glande, mentre la mano fa su e giù sul tronco, ovviamente a seconda anche della lunghezza del péne. Ovviamente il ritmo mano-bocca è difficile da mantenere per molto tempo, e quindi è importante alternare con costanza. Anche perché, nel caso di chi pretende maggiore velocità e forza nel movimento, non è possibile abbinare la bocca con la mano. Chi pretende questo, deve essere “menato” con la mano, e poi invece deliziato dolcemente con la bocca. Un giusto rapporto, una giusta alternanza.Alcuni sentono dolore se lo stringete e tirate, altri hanno maggiore pressione sanguigna e elasticità, e non possono venire se non li stringete e tirate a sufficienza.Una cosa che nessuno dice mai, perché l’uomo si vergogna: essendo abituato a masturbarsi, l’uomo, la sensibilità del suo uccello è anche data da come si masturba. Un omone grande e muscoloso, probabilmente farà con maggiore forza di un secco decrepito (che magari ha, per carità, un gran bel uccellone) ! La forza della donna è chiaramente inferiore a quella dell’uomo, e, quindi, quando pensate che possiate far male e quindi fate pian pianino, spesso vi sbagliate. La vostra forza potrebbe farci un baffo!Non sottovalutate l’aspetto psicologico e romantico del pompino: se ci guardate negli occhi potremmo salire come una mongolfiera in pochi attimi! Lo sguardo conta molto. E come la lingua compie dei bei vortici intorno al glande stabilisce quanto afflusso di pressione sanguigna abbiamo sul nostro organo d’amore.Usate la vostra sensibilità. Un péne si sente quando sta per venire. Si sente nelle vostre mani… basta concentrarsi. E’ evidente che la venuta in bocca è una cosa stupenda per il maschietto, e chi sa di poterlo fare con amore e passione, lo faccia! Chi prova disgusto, magari abbia pian piano un approccio con lo sperma del proprio amato, e chissà che si scoprirà che così schifoso non è (anche quello varia da uomo a uomo).Un’ultima cosa: quando si viene, per asciugarsi, prendete un bell’asciugamano! Non sapete quanto può essere triste prendere un pacchettino di fazzolettini e farsi asciugare… come fanno le prostitute! Terrificante. E non mettete l’asciugamano sul glande come se fosse normale pelle d’asciugare, quella parte è comunque sensibile e va trattata con dedizione. Siamo uomini, sì, ma non animali da allevamento!
Vi lascio con una fantastica musica della Grappa Bocchino!

avrei voluto l'edizione originale dei Daniel Sentacruz Ensemble
e comunque Buon pompino a tutti/e!!!
anzi eccovi l'originale ....

p.s.ci tengo a sottolineare(che essendo un sessodipendente) non è farina del mio sacco,un grazie a Pornoromantico(il blog da cui l'ho tratto),se scrivo o penso certe cose mi eccito e bagno e dovrei correre alla ricerca di una trifola(bella o brutta che sia)o alla solita terapia di gruppo!

3 commenti:

Rokko Silfreddicchi ha detto...

Si prega di citare correttamente le fonti :

http://pornoromantica.splinder.com/

elmilagro ha detto...

carissimo rocco anonimo(ti celi dietro quel nome perche' avrai probblemi sessuali?)la fonte non è quella che tu scrivi è come ho scritto : pornoromantico,fai meno sesso manuale e vedi di informarti meglio cmq per te che sicuramente sei un appassionato delle pippette(contento te!)ti cito il giusto sito!quelo che hai scritto tu è un altro(è della Carolina Cutulo,che ne ha fatto anche un libro)eccotelo il blog di pornoromantico-
http://pornoromantico.wordpress.com/
prova a visitarlo puo' darsi che trovi un poco di felicita' per le tue manine,e poi siamo grandi basta con i nomignoli finti!(capisco che sei un fan di Rocco pero' esistono anche altri film!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

I am reading this article second time today, you have to be more careful with content leakers. If I will fount it again I will send you a link